Condividi

La lettera congiunta di Ferpa e Epsu al Consiglio Europeo e alla Commissione Europea e le risposte di Commissione e Consiglio

Lettera congiunta di Ferpa e Epsu al Consiglio Europeo e alla Commissione Europea del 17 giugno 2020

Bruxelles, 17 giugno 2020

Caro Presidente del Consiglio Europeo, caro Mr. Michel,

Cara Presidente della Commissione Europea; cara Mrs Von Der Leyen

Giovedì, il Consiglio Europeo discuterà sul Recovery Plan per l’Europa. Come componenti della Federazione Europea Ces, Epsu, la Federazione dei lavoratori di cura e dei servizi pubblici, e Ferpa, la Federazione dei pensionati e delle persone anziane, appoggiamo quanto chiesto dalla Ces: un ambizioso piano economico e la garanzia di nuovi posti di lavoro ora che la disoccupazione sta crescendo.

Vogliamo esprimere la nostra profonda delusione per il fatto che la Commissione nel Recovery Plan e il Consiglio nel discuterlo, abbiano dedicato poca attenzione sugli effetti che la pandemia ha avuto sulla popolazione anziana e sui lavoratori del settore della cura. Vi chiediamo di affrontare questo problema e di iniziare ad indagare su ciò che è andato storto nei sistemi sanitari e in particolare nella cura degli anziani, in modo da poter prendere le misure necessarie e non ripetere gli errori commessi. Questo va fatto consultandosi con le organizzazioni interessate. A causa delle politiche di austerità. Non c’è una prova concreta del fatto che in molti Paesi le strutture a lunga degenza non siano state sufficientemente finanziate. Non si è nemmeno a conoscenza del fatto che sia i lavoratori delle strutture residenziali sia gli assistenti familiari retribuiti, la maggior parte dei quali donne, siano stati gravemente colpiti dalla pandemia e del fatto che il loro lavoro sia stato sottovalutato e sottopagato.

Mancano risorse e personale. E il Recovery Plan non ha finanziamenti aggiuntivi per l’assistenza a lungo termine, residenziale e domiciliare. Ciò si combina con la mancanza di attenzione da parte delle autorità per gli anziani, che sono le persone più vulnerabili e per i lavoratori, così drammaticamente colpiti dalla mancanza di dispositivi di protezione individuale e dall’alta mortalità, sia tra gli anziani che tra gli operatori sanitari.

Dunja Mijatović, la Commissaria per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa sospetta che si siano verificate violazioni dei diritti umani che avrebbero potuto essere prevenute, così come ha dichiarato ilo 20 Maggio: “In molti Paesi e singole istituzioni, la gestione della crisi sembra essere stata frammentata e caotica, con il personale di cura spesso lasciato a sé stesso. Alcuni hanno compiuto sforzi eroici per salvare i residenti, a volte confinandosi nelle strutture ed evitando il contatto con le proprie famiglie; alcuni Paesi, come la Romania, hanno persino reso obbligatorio per il personale isolarsi in strutture di assistenza a lungo termine o in luoghi appositamente designati. In altri casi, gli ospiti sono stati trascurati o abbandonati, nonostante fossero stati contagiati, come è stato registrato in Spagna. C’è comprensibile indignazione e frustrazione tra i parenti che hanno perso i loro cari in circostanze così poco limpide. Molti hanno sporto denuncia contro i gestori delle case di cura, ad esempio in Francia. In Spagna i pubblici ministeri hanno aperto le indagini su una serie di strutture residenziali per anziani, indagini simili sono state aperte in Italia. In conformità con i loro obblighi ai sensi dell’articolo 2 della Convenzione Europea sui Diritti Umani in merito al diritto alla vita, gli Stati membri devono fare luce su tutte le morti che si verificano in queste strutture, senza eccezioni.” Vogliamo che il Consiglio ordini queste indagini.

La Commissaria per i Diritti Umani ha evidenziato come gli Stati Membri abbiano probabilmente violato molte convenzioni e come gli stessi Stati non abbiano garantito alle persone anziane, alle persone con disabilità e ad altri gruppi di persone fragili i loro diritti alla salute e alla cura, incluso il diritto alle cure di lunga durata, così come stabilito dal Pilastro Europeo dei Diritti Sociali del 2017 (Principi 16 e 18).

Sono state commesse violazioni dei Diritti Umani che come tali devono essere investigate e portate all’attenzione, in modo tale che esse non possano ripetersi in una eventuale seconda ondata di questa pandemia che ha colpito l’Europa in maniera così profonda. Le indagini aiuteranno a prendere le misure necessarie per prevenire una seconda ondata.

La Commissione Europea dovrebbe prevedere dei fondi da destinare alle cure residenziali e di lunga durata (così come ha fatto per la salute con il programma EU4Health).

Cari Presidenti, adesso è necessaria un’azione a tutela dei lavoratori e della popolazione anziana dell’Unione Europea.

Rimaniamo a disposizione per ulteriori discussioni su come meglio evitare che gli anziani e chi altro usufruisce delle cure non sia più vittime di politiche dannose.

Agostino Siciliano, Segretario Generale Ferpa

Jan Willem Goudriaan, Segretario Generale Epsu

Leggi QUI la versione originale della lettera

Risposta di Frèdèric Bernard (Capo di Gabinetto del Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel) del 29 giugno 2020

29 giugno 2020

Cari Signor Siciliano e Signor Goudriaan,

Vi ringrazio per la vostra lettera del 18 Giugno 2020 indirizzata al Presidente Michel, che mi ha chiesto di rispondere in sua vece.

La pandemia del Covid-19 ha costituito per l’Unione Europea e i suoi Stati Membri una sfida senza precedenti. Ha testato la resilienza delle nostre società e delle nostre economie e ha messo sotto una fortissima pressione i nostri sistemi sanitari nazionali.

La responsabilità per i sistemi sanitari nazionali è, per definizione, degli Stati Membri. Molti dei nostri Stati Membri hanno cominciato, o cominceranno a breve, a riflettere su cosa si possa imparare dopo il Covid-19 sui propri sistemi sanitari, incluse le cure di lunga durata rivolte alla popolazione anziana. Per aspetti rilevanti per l’Unione Europea nel suo insieme, una ulteriore riflessione si avrà anche nel secondo semestre del 2020.

Per riprendersi dal Covid-19 è necessario uno sforzo congiunto a livello di Unione Europea. Le proposte della Commissione Europea, il Recovery Fund e il Quadro Finanziario Pluriennale, rappresentano un passo importante e aiuteranno a raggiungere i traguardi in quei settori e in quelle aree più colpite dalla pandemia Covid-19.

La scorsa settimana, in videoconferenza, i leader europei hanno discusso per la prima volta riguardo la proposta messa sul tavolo dalla Commissione Europea. Il Presidente Michel, con l’obiettivo di trovare un compromesso globale, ha invitato i leader per un Consiglio Europeo il 17 e il 18 Luglio.

In ultimo, vorrei mettere in evidenza che gli organismi preparatori del Consiglio stanno monitorando l’impatto che la crisi Covid-19 avrà sull’accesso a servizi per le cure di lunga durata di qualità e accessibili, mentre il Comitato Politiche Sociali al momento sta lavorando al Report 2021 sull’Adeguatezza pensionistica e le Cure di Lunga Durata.

Non c’è dubbio che la sanità rappresenterà una parte centrale dell’attività dell’Unione Europea nei prossimi anni. Il Consiglio ha già cominciato a lavorare sulla Proposta EU4Health. Voglio tranquillizzare sul fatto che riguardo a questo documento è stata data assoluta priorità e si progetta di adottarlo entro la fine dell’anno.

Sinceramente

 

Frèdèric Bernard

Capo di Gabinetto del Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel

 

Leggi QUI la risposta di Frèdèric Bernard

Comments are closed.

  • UIL PENSIONATI

    L’Unione Italiana Lavoratori Pensionati (Uilp) è il sindacato di categoria che associa gli anziani e i pensionati della Confederazione sindacale Unione italiana del lavoro (Uil).

    La Uilp ha oggi circa 600mila iscritti (di cui oltre 20mila residenti all’estero).

  • UILP CONTATTI

    Via Po 162 - 00198 (RM)
    Tel: 06/852591
    Fax: 06/8548632
    EMail: info@uilpensionati.it

Copyright © 2000-2016 UIL Pensionati.